Mercoledì 10 Gennaio 2018 - 21:30

Il caviale made in Italy in pole position dopo la Cina

Un prodotto che non parla più quindi solo russo e iraniano, ma anche e sempre più italiano

In Italia si producono 40 tonnellate di caviale d'allevamento l'anno, di cui l'80% circa in Lombardia, 35/37 tonnellate, e in Veneto. Uno dei tanti stereotipi che le stime di Coldiretti Lombardia vanno a scalfire, descrivendo il Belpaese come uno dei primi al mondo per produzione in acquacoltura del cibo di lusso per antonomasia.

Al primo posto la Cina con una settantina di tonnellate, a poca distanza l'Italia, che conta 4/5 allevamenti, concentrati fra Lombardia e Veneto, che producono la prelibatezza degli zar, ricavata dalle uova di storione, per soddisfare una domanda sempre più in crescita dall'estero.

"L'intera filiera della pesca in Lombardia conta 1500 imprese legate al mercato del pesce, crostacei e molluschi (pesca, produzione e commercio)", ricorda l'organizzazione agricola. Per i consumatori, il caviale non parla più quindi solo russo e iraniano, ma anche e sempre più italiano, oltre che cinese.

E il nostro è un Paese esportatore, soprattutto in Francia e Stati Uniti, ma anche a Mosca, perché il consumo interno non supera il 10%, con una forte stagionalità natalizia, a differenza proprio della Russia, che, invece, non esporta ed è il primo mercato di consumo al mondo.

Lo storione è diventato specie protetta nel 2000. Non si poteva più pescare praticamente in nessun Paese al mondo, cioè in tutti gli Stati che appartengono alla Convenzione Cites (Convenzione internazionale per il commercio delle specie in via di estinzione). Lo storione selvatico quindi è divenuto illegale e i più veloci a convertire le acquacolture di cui già disponevano, di anguille e trote, sono stati gli italiani e i cinesi che ora sono i più grandi produttori al mondo di caviale.

La produzione tricolore si concentra nel Lombardo-Veneto, grazie alla maggior presenza di fontanili di acqua che consentono di allevare gli storioni nelle condizioni migliori. Una attività che richiede pazienza: gli storioni ci mettono 8 anni a fare le uova. La Lombardia ha il record nazionale della produzione e anche quello delle esportazioni, con quasi il 90 per cento della produzione che prende il volo verso i mercati esteri

. E si tratta di una delle produzioni ittiche regionali di maggior pregio. Il valore al dettaglio del caviale oscilla mediamente tra i 1.000 euro al chilogrammo e i 12.000 del miglior beluga. E il caviale piace sempre di più agli chef e alle star della cucina per cui l'Italia è famoso nel mondo.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Xerjoff partner della Royal Charity Polo Cup: vince il principe Harry

Oltre 400 ospiti al prestigioso appuntamento del calendario social inglese

L'oroscopo di venerdì 20 luglio: Sagittario, battetevi per amore

Scorpione, non lasciatevi scoraggiare dai cambiamenti