Mercoledì 27 Dicembre 2017 - 08:30

I prezzi del petrolio schizzano a 60 dollari al barile dopo il caso dell'oleodotto

E' la prima volta dal 25 giugno del 2015 che si raggiunge di nuovo questa soglia

Per la prima volta dal 25 giugno del 2015, i prezzi del petrolio greggio scambiati sul Nymex di New York hanno riagguantato la soglia dei 60 dollari al barile. Le quotazioni sono balzate al massimo in più di due anni e mezzo dopo la notizia dell'esplosione di un oleodotto in Libia.

Secondo alcune fonti, l'esplosione sarebbe stata provocata da un attentato terroristico, orchestrato dalle Brigate di difesa di Bengasi, e avrebbe messo fuori gioco una produzione giornaliera compresa tra 70mila e 100mila barili: questo, in un Paese che, stando all'ultimo bollettino mensile dell'Opec, produce 973mila barili al giorno. Immediata la reazione dei prezzi del petrolio, che a New York sono balzati di oltre +2,6%. Il Brent è volato fino a $67,10, +2,8%, al record da maggio del 2015.

 

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FCA, Conferenza stampa Sergio Marchionne e John Elkann a Balocco

Fca, la triste lettera di John Elkann ai dipendenti: "Marchionne non tornerà più"

Il presidente ha inviato la missiva "più difficile che io abbia mai scritto. Sergio è stato il miglior amministratore delegato che si potesse desiderare"

Salone dell'automobile di Ginevra -  Presentazione nuova Jeep

Chi è Mike Manley, l'uomo del successo di Jeep guiderà Fca

Il manager inglese è il nuovo amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles al posto di Marchionne

Formula 1 GP Monza - sabato pre gara: Marchionne ai box

F1, Ferrari di Marchionne: da arrivo Vettel a lotta con Liberty

In carica dal 2014 ora l'addio alla presidenza alla vigilia del Gran Premio di Germania

Dall'Eni alla presidenza del Milan: chi è Paolo Scaroni

Non solo aziende di Stato: grande tifoso rossonero, è di lunga data anche il suo legame con il mondo del calcio