Giovedì 30 Novembre 2017 - 08:30

Giro d'Italia parte da Gerusalemme ovest e Israele minaccia di annullarlo

L'ira dei ministri israeliani per la partenza da "West Jerusalem": "C'è una sola capitale"

Ciclismo, presentazione del Giro d'Italia 2018

È bastato un nome sbagliato per mettere a repentaglio il Giro d'Italia. A poche ore dalla sua presentazione, è arrivata la minaccia del governo di Israele di togliere il supporto governativo all'evento che quest'anno prevede tre tappe iniziali nello stato e la partenza proprio a Gerusalemme. 

La sede di partenza è stata indicata come West Jerusalem: una definizione che ha mandato Israele su tutte le furie. "Gerusalemme è la capitale dello Stato, non esiste nessun est o ovest", rivendicano il ministro dello Sport e della Cultura Miri Regev e quello del Turismo Yariv Levin, che minacciano di togliere il patrocinio all'iniziativa,

"Gerusalemme è una città unita. Quelle pubblicazioni - continuano i ministri - sono una infrazione delle intese col governo israeliano. Se ciò non sarà cambiato Israele non parteciperà all'evento". Secondo il quotidiano filo-governativo Israel ha-Yom spiega il ministero per le questioni strategiche sostiene che si tratti "di pressioni di elementi filo-palestinesi che vorrebbero sottolineare che Gerusalemme est non fa parte di Israele".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ginnastica, bufera Usa sugli abusi alle atlete

Scandalo molestie, si dimette board della federazione di ginnastica Usa

L'ex medico della squadra nazionale Larry Nassar era stato accusato di abusi da centinaia di atleti

Scherma, tripletta azzurra ai Mondiali fioretto di Parigi: trionfa Foconi

Sul podio parigino salgono anche Daniele Garozzo e Giorgio Avola. Per Alessio Foconi è il secondo successo in carriera

(SP)BRAZIL-RIO DE JANEIRO-OLYMPICS-GYMNASTICS

Ginnastica, abusi dell'ex medico Usa e il dolore della Biles: "Non mollerò"

La stella della ginnastica su Twitter: "Ora non ho più paura di raccontare la mia storia"

2017 Christmas Package

Bolt fa un provino per il Borussia Dortmund: "Voglio giocare a calcio"

L'uomo più veloce del mondo vuole provarsi nello sport che ama oltre l'atletica: "Ho sempre sognato di giocare nel Manchester United"