Domenica 10 Settembre 2017 - 14:15

Francia, sparatoria in stazione a Noyon: 4 morti, 2 sono bimbi

Un assalitore si sarebbe suicidato, l'altro è ricercato. Dietro potrebbe esserci una disputa familiare

Controlli di sicurezza rafforzati a Parigi

È di quattro morti, fra cui due bambini, il bilancio di una sparatoria avvenuta in Francia intorno alle 11.30 su un binario della stazione di Noyon, nel dipartimento dell'Oise, oltre 100 chilometri a nord di Parigi. Lo riporta il quotidiano Le Parisien, spiegando che tre dei morti sono una donna di Guiscard e i suoi due figli di 3 e 5 anni e che le vittime erano state aiutate da un amico della famiglia a lasciare la città quando due persone hanno aperto il fuoco contro di loro. La quarta vittima è uno degli assalitori, che si sarebbe suicidato, mentre il secondo assalitore è al momento ricercato dalle forze dell'ordine. La stazione è stata circondata dagli agenti.

Secondo quanto riportano i media francesi, viene privilegiata la pista della disputa familiare. Disagi nella circolazione dei treni, che secondo il giornale regionale Courrier Picard sulla tratta Parigi/Saint-Quentin non effettuano la fermata di Noyon.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bergamo, La Coop Sul Serio batte la crisi: quando i lavoratori salvano le aziende dal fallimento

Onu: "Le donne guadagnano il 23% meno degli uomini. È il più grande furto della storia"

Il dato emerge dalla campagna #StopTheRobbery ed è specchio di una situazione diffusa in tutto il mondo

Sami Anan

Egitto, ex capo di stato maggiore Sami Anan si candida a presidenziali

Sfiderà l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi

Usa, un anno di Trump: tra scandali e promesse mantenute

Al termine del primo anno di governo l'immagine del presidente degli Stati Uniti nel mondo è peggiore di quanto non sia mai stata quella dei suoi due predecessori

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile