Martedì 11 Settembre 2018 - 07:30

Affido condiviso, al via riforma. Assegno di mantenimento addio

In Senato la nuova proposta di legge che coinvolge 800mila i minorenni e 4milioni di coppie separate con figli

Arriva in Senato una delle leggi più delicate della stagione legislativa, se non sul piano politico senz'altro su quello delle conseguenze sociali. Il disegno di legge della maggioranza gialloverde sull'affido condiviso ha iniziato il suo iter a palazzo Madama. Il testo mira a riformare le norme che regolano l'affidamento dei figli delle coppie separate (legge 54 del 2006). Sono circa 4milioni le coppie separate con figli e 800mila i minorenni coinvolti.

"Non è una legge per la mamma o per il papà". Assicura il senatore Simone Pillon (Lega), relatore del provvedimento, dopo le polemiche nate nei confronti di una proposta che secondo alcuni favorirebbe il genitore maschio ai danni della donna. "L'obiettivo - assicura l'ex numero uno del Forum Famiglie - è che vincano i bambini, non la mamma o il papà o la Lega. Poi la Lega vince lo stesso perché sta vicino ai bisogni delle persone".

Il tema è divisivo e le associazioni si sono schierate sia a favore sia contro. Quattro i punti qualificanti della riforma, previsti dal contratto di governo Lega-M5S: la mediazione a supporto delle coppie in conflitto, i tempi paritetici di frequentazione dei figli con padre e madre, la realizzazione del mantenimento diretto, la lotta a ogni forma di rifiuto genitoriale. Sparisce quindi l'assegno di mantenimento che, a detta dei relatori, "provoca molti litigi". Al suo posto verrà introdotto il 'mantenimento diretto'.

Ma questo non vuol dire che il contributo dei genitori sarà "fifty-fifty", bensì proporzionale. "Il genitore che guadagnerà di più - spiega Pillon - contribuirà di più, ma saprà che ogni euro sarà speso per il figlio e non per l'ex coniuge. Sarà al 50% qualora i redditi siano uguali". Insomma, indipendentemente da chi abbia abbandonato il tetto coniugale e perché, il contributo al sostentamento del figlio dovrà essere equamente ripartito fra madre e padre.

Ancora, la riforma gialloverde prevede i tempi paritari. "Ce lo chiede l'Europa e per una volta ha ragione", fa Pillon con una battuta. Il principio è che il bambino debba essere libero di stare con entrambi i genitori e non debba essere messo nelle condizioni di decidere se stare con papà o mamma. Ma, aggiunge Pillon: "Non possiamo neppure permetterci che le decisioni in questo campo siano lasciate alla simpatie dei giudici o dei servizi sociali". Altro aspetto fondamentale, nelle intenzioni dei proponenti il bambino prima di finire in un istituto deve poter essere accolto dai parenti più prossimi, a cominciare dai nonni. 

Scritto da 
  • Elisabetta Graziani
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, Enzo Moavero Milanesi riceve Ghassan Salamé

Migranti, anche Moavero replica all'Onu: "Accuse inappropriate, sono amareggiato"

Bachelet: "In Italia troppi casi di razzismo, invieremo un team". Salvini: "Non accettiamo lezioni"

Il "cavallo morente" simbolo della Rai in Viale Mazzini

Rai, Foa verso secondo giro: atteso il 'sì' di Berlusconi a Salvini

Torna in pole il nome del consigliere anziano già candidato dal governo gialloverde

Salvini ospite all'evento Change

Salvini: "Ci chiameremo Lega. Rateizzare fondi? Sono soldi che non ho"

Il leader del Carroccio tira dritto: "Uno è colpevole alla fine del giudizio e vedremo come andrà a finire. Il sequestro preventivo è bizzarro"

Otto e Mezzo. Riccardo Scamarcio e Alessandro Di Battista

Fondi Lega, Di Battista all'attacco: "Restituiscano fino all'ultimo centesimo"

Il pentastellato punta apertamente il dito contro Salvini, che replica: "Roba interna al M5S"