Domenica 15 Aprile 2018 - 14:00

È morto Stefano Zappalà, uno dei fondatori del partito Forza Italia

Dopo la carriera da ufficiale e ingegnere, nel 1994 è sceso in politica al fianco di Silvio Berlusconi

Lavori Parlamento Europeo

È morto nella notte all'ospedale Santa Maria Goretti di Latina Stefano Zappalà, tra i fondatori di Forza Italia. Aveva 77 anni ed era stato ricoverato in urgenza per una crisi respiratoria. Originario di Aci Bonaccorsi (Catania) dopo la carriera da ufficiale nell'Esercito si era dedicato alla professione di ingegnere. Nel 1994 è sceso in politica al fianco di Silvio Berlusconi e da allora ha sempre avuto ruolo di rilievo in Forza Italia, fino ad arrivare al Parlamento Europeo per due legislature, tra il 1999 e il 2009.

Consigliere regionale del Lazio tra il 1995 e il 2000, consigliere comunale a Latina dal 1997 al 2002, era stato anche sindaco di Pomezia tra il 2002 e il 2007, quindi l'elezione in Europa. Dopo l'esperienza a Strasburgo, era stato assessore regionale al turismo nel Lazio, con la giunta di Renata Polverini. Uscito da Forza Italia, si era avvicinato all'esperienza di Beatrice Lorenzin

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito