Venerdì 13 Luglio 2018 - 06:30

Diciotti sbarca a Trapani, dopo l'intervento di Mattarella. Salvini: "Chi ha deciso ne risponderà". Di Maio: "Rispetto per il presidente"

I 67 migranti sono scesi dalla nave nel porto di Trapani dopo la chiamata del capo dello Stato a Conte. Da domenica a oggi 5 giorni di passione

Trapani, lo sbarco dalle nave Diciotti

I 67 migranti sono scesi questa notte dalla nave "Diciotti" della Guardia Costiera italiana attraccata nel porto di Trapani. Nessuno in manette. Due sono indagati: Ibrahim Bushara, sudanese, e Hamid Ibrahim, ghanese. Forse uno è addirittura uno scafista. Salvini è furibondo. Fa sapere di essere "sorpreso" per l'intervento del Quirinale. Vuole sapere chi ha preso la decisione di dare il via libera alllo sbarco: "Ne risponderà" "sono ministro da 43 giorni, devo fare tutto per difendere la sicurezza di chi vive in questo Paese. Sto bloccando partenze, sbarchi e morti, che infatti sono diminuiti. Sul caso Diciotti andrò in fondo fino a quando qualcuno non verrà assicurato alla giustizia", ha detto a Rtl 102.5.

Salvini è arrabbiato, nell'ordine: con il presidente Mattarella che è intervenuto, con il premier Conte che, ovviamente, ha chinato il capo davanti alla pressione del Quirinale che ha posto una questione umanitaria, con Toninelli che era molto preoccupato perché, per la prima volta nella storia, a una nave della Guardia Costiera italiana (che dipende da lui) è stato impedito di attraccare in un porto italiano, con la Procura di Trapani che ha deciso che, almeno per il momento, non c'era nessuno da arrestare, che non c'era stato ammutinamento o dirottamento (reati gravissimi) ma, al massimo, violenza privata. Infine, Salvini, ce l'ha anche con il capitano del Vos Thalassa che, quando si è trovato in mare con i migranti arrabbiati perché non volevano essere riportati in Libia, ha deciso di chiedere aiuto alla Guardia Costiera e alla nave Diciotti.

Di Maio si schiera con Mattarella - L'intervento del capo dello Stato, invece, è stato apprezzato dal vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio: "Se Mattarella è intervenuto bisogna rispettare il presidente - ha detto ad Agorà Estate su Rai3 - Servono procedure più veloci, noi avevamo la preoccupazione che dovesse essere perseguito chi aveva commesso violenza sulla nave. Ha competenza la magistratura, aggredire gli equipaggi non è accettabile", ha aggiunto precisando che "se il ministro Salvini abbia esagerato o meno non me ne frega nulla. La cosa importante è che con l'intervento del presidente della Repubblica si sia sbloccata la storia. Questa non è una partita di calcio". Salvini è intenzionato ad andare avanti ma "se Mattarella vuole capire cosa ho fatto, lo farò con piacere ma nessuno mi farà cambiare idea sulla lotta ai trafficanti di clandestini. Non ho niente da chiarire con Mattarella, ma sono a disposizione se verranno chiesti chiarimenti", ha detto a Rtl 102.5.

D'accordo con Mattarella anche il presidente della Camera, Roberto Fico: "Mi pare tutto sotto controllo pacifico e tranquillo. La nave è attraccata e secondo me non c'è nessun problema. L'intervento di Mattarella è stato positivo. I suoi interventi sono sempre positivi, per come è il nostro presidente della Repubblica - ha detto durante il convegno della Flai Cgil sul caporalato - Secondo me il governo ha lavorato insieme per superare le problematiche che comunque mi sembrano risolte".

Insomma, sono stati cinque giorni bestiali per i poveri migranti tra i quali diverse donne e alcuni bambini. Ma anche per Salvini che ha deciso di indossare i panni del duro e ha perso. Per Toninelli che comincia a vedere segni di irritazione nei vertici della Guardia Costiera, corpo nobilissimo fatto di marinai che, prima di tutto, vogliono rispettare le leggi scritte e non scritte che da secoli valgono in mare. Vediamo di ricostruire i fatti.

Domenica 8 luglio pomeriggio - Il rimorchiatore Vos Thalassa (che batte bandiera italiana, è registrato a Genova e appartiene alla compagnia olandese Vroon) è di guardia a una piattaforma petrolifera della Total al largo della Libia. Riceve l'Sos e interviene per prendere a bordo 67 naufraghi di origini centrafricane (Sudan, Gambia, Nigeria, Ghana) provenienti dalle coste libiche.

Domenica 8 luglio notte - Il Vos Thalassa, che non ha molto tempo e deve tornare ai suoi compiti di guardia alla piattaforma, riceve l'indicazione di consegnare i migranti a una motovedetta libica che si sta avvicinando al punto di incontro. A bordo i migranti si accorgono che il Vos Thalassa ha preso verso sud e cominciano a protestare. La protesta sale di tono, ci sono spintoni e minacce ma, ha detto dell'armatore, nessun dirottamento o ammutiamento.

Luned' 9 luglio - Il capitano del Vos Thalassa chiede aiuto alla Guardia Costiera italiana. Dice che è preoccupato per l'incolumità dell'equipaggio. Non  si sa se è lui a parlare di ammutinamento (ma gli esponenti della Vroon negano recisamente) o se il tema sia stato ingigantito da qualcun altro o se è stata la propaganda salviniana a fare le cose più grandi e pericolose.

Martedì 10 luglio - Arriva la nave Diciotti della Guardia Costiera, carica i migranti e prende verso nord in attesa che, tra Ministero dei Trasporti e Viminale, si decida il porto di sbarco. Il Vos Thalassa, torna ai suoi compiti di sorveglianza della piattaforma.

Mercoledì 11 luglio - Si decide che la Diciotti andrà a Trapani. Ma Salvini vuole che si aprà subito un'inchiesta e tuona: "Nessuno deve sbarcare senza che prima siano stati chiariti i fatti. Se qualcuno sbarcherà, lo farà in manette". E annuncia punizioni pesantissime "per i facionorosi che si sono ammutinati e hanno cercato di dirottare il rimorchiatore" che li aveva salvati. A bordo della Diciotti salgono uomini della Polizia di Stato che, sotto la direzione del Procuratore di Trapani, Alfredo Morvillo, procedono a identificare i migranti e cercano di ricostruire cosa è successo e quali reati siano stati eventualmente consumati.

Giovedì 12 luglio - La nave Diciotti arriva a Trapani e fa per entrare in porto. Qui subisce una sorta di "affronto" (è una unità della Guardia Costiera e i porti italiani sono tutti "casa sua"). Al comandante viene comunicato di tornare inidetro e di aspettare decisioni i  rada. Per tutto il giorno si consuma un braccio di ferro tra Salvini che tuona da Innsbruck e vuole che qualcuno finisca in manette e Toninelli che vorrebbe lo sbarco al più presto. Salvini, tra l'altro, grida, ma comincia anche a chiedersi se qualcuno non ha esagerato la faccenda e dice che, nel caso, quel qualcuno la pagherà cara.

Giovedì 12 luglio sera - Tutti gli organi d'informazione seguiono da vicino la questione. Un gruppo di ong (da Save the Children a Intersos) chiedono che i migranti vengano sbarcati e soccorsi. Loro esponenti sono in porto a Trapani e si fanno sentire. Interviene anche il Quirinale. Il presidente Sergio Mattarella, non chiama ovviamente, Salvini, ma si rivolge al Premier, Giuseppe Conte che è appena tornato dal vertice Nato di Bruxelles. Conte prende atto delle preoccupazioni umanitarie del capo dello Sato, chiama Salvini e Toninelli e, in poche decine di minuti lo sbarco viene sbloccato. La Procura di Trapani, intanto, arriva alla conclusione che l'unico reato allo stato contestabile a un paio di migranti è quello di "violenza privata". Nessuno sbarcherà in manette dalla nave Diciotti.

 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, Enzo Moavero Milanesi riceve Ghassan Salamé

Migranti, anche Moavero replica all'Onu: "Accuse inappropriate, sono amareggiato"

Bachelet: "In Italia troppi casi di razzismo, invieremo un team". Salvini: "Non accettiamo lezioni"

Il "cavallo morente" simbolo della Rai in Viale Mazzini

Rai, Foa verso secondo giro: atteso il 'sì' di Berlusconi a Salvini

Torna in pole il nome del consigliere anziano già candidato dal governo gialloverde

Affido condiviso, al via riforma. Assegno di mantenimento addio

In Senato la nuova proposta di legge che coinvolge 800mila i minorenni e 4milioni di coppie separate con figli

Salvini ospite all'evento Change

Salvini: "Ci chiameremo Lega. Rateizzare fondi? Sono soldi che non ho"

Il leader del Carroccio tira dritto: "Uno è colpevole alla fine del giudizio e vedremo come andrà a finire. Il sequestro preventivo è bizzarro"