Venerdì 28 Luglio 2017 - 07:15

Vaccini obbligatori, si alla legge. Deputati Pd aggrediti dai no-vax

Durante il voto in aula, in piazza Montecitorio è montata la protesta del popolo dei contrari. Renzi: "Solidarietà a Elisa, Ludovico e Salvatore"

Protesta contro l'approvazione del dl sui vaccini obbligatori

In Italia tornano i vaccini obbligatori. La Camera ha dato l'ok definitivo al testo con 296 voti favorevoli, 92 contrari e 15 astenuti. Contro il decreto si sono espressi Il Movimento Cinque Stelle e la Lega. Astenuti i deputati di Sinistra Italiana e Fratelli D'Italia.

Durante il voto in aula, fuori, in piazza Montecitorio, è montata la protesta del popolo no-vax. Molti gli slogan urlati tra cui 'assassini' e 'non ci fermerete'. Imponente lo schieramento delle forze dell'ordine.  "Sulla pelle di mio figlio niente è obbligatorio", "Il cuore del Salento batte per la libertà", "Ci ricorderemo di voi, di tutti", "Non finisce qui" sono alcuni degli slogan che si leggono sui cartelli dei manifestanti. E come denuncia il segretario Pd Matteo Reniz: "Tre deputati Pd assaliti da manifestanti NO-vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo".

I tre deputati Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone sono usciti in momenti diversi dall'ingresso principale della Camera e, passando attraverso il corteo no-vax davanti a piazza Montecitorio, sono stati raggiunti e inseguiti da alcuni manifestanti che hanno gridato loro contro, chiamandoli "assassini". "Siamo saliti sulla stessa auto che è stata circondata e presa a pugni e calci - racconta Elisa Mariano -. Ho avuto paura perché c'erano anche degli uomini che colpivano la macchina. Ho sentito che anche altri deputati sono stati inseguiti e insultati".

Ed ecco il tweet del presidente della Camera, Laura Boldrini: "Inaccettabile aggressione a tre deputati davanti a Montecitorio. Le opinioni diverse non possono mai giustificare #violenza #decretovaccini".

"Il provvedimento sui vaccini è legge, bene", ha commentato ancora Renzi. "Da padre ringrazio tutti quelli che hanno reso possibile questo risultato. Questa legge nasce da una bellissima pagina di impegno civile. Tra i tanti che si sono distinti lasciatemi ringraziare due persone. Alice, una giovane mamma romagnola. Dal suo blog è partita la richiesta di impegno prontamente raccolta dalla Regione e dal Presidente Bonaccini. Mentre altri blog più famosi lottano contro la scienza, insultano premi nobel e medici, rilanciano battaglie contro le mammografie, Alice con una petizione online ha contribuito a imporre il tema all'opinione pubblica. Brava!", aggiunge. 

"E poi Roberto Burioni, il professore che ci ha messo la faccia, la passione, la dignità del suo essere medico combattendo una battaglia per i nostri figli. Lo abbiamo avuto con noi a Milano qualche settimana fa: competenza, passione, energia al servizio di una comunità. Non è finita qui. Anzi, siamo solo agli inizi. Ma da padre, prima che da politico, oggi sento il bisogno di dire grazie. Non lasciamo il Paese a chi vive di fanatismo e di paure. Andiamo avanti, insieme", conclude Renzi. 

 

OBBLIGATORI E CONSIGLIATI I vaccini obbligatori sono dieci: l'anti-poliomielitica, l'anti-difterica, l'anti-tetanica, l'anti-epatite B, l'anti-pertosse e l'anti-Haemophilus influenzae tipo b. Quelli sempre obbligatori, ma solo fino al 2020 sono: anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella. Nella legge si prevede che 4 vaccinazioni diventeranno fortemente consigliate dalle Asl, oltre che gratuite come già previsto dal Piano nazionale: si tratta di quelle contro il meningococco C e B, che fino ad ora erano nel gruppo delle obbligatorie, e di quelle contro il rotavirus e lo pneumococco.

RIDUZIONE SANZIONI Per le sanzioni amministrative l'importo sarà al minimo 100 e al massimo 500 euro. In origine la multa prevista andava dai 500 ai 7.500 euro. Se in genitori non vaccinano i figli, il dirigente scolastico è tenuto a segnalare la violazione alla Asl che contatta il genitore per un colloquio, indicando modalità e tempi delle vaccinazioni da fare. Se il genitore non provvede, l'asl contesta formalmente l'inadempimento

ANAGRAFE VACCINALE E' stata istituita l'anagrafe vaccinale e per l'integrazione degli obbiettivi dell'unità di crisi che monitora le attività del Servizio sanitario nazionale "per renderli funzionali alle esigenze di coordinamento tra tutti i soggetti istituzionali competenti in materia di prevenzione delle malattie infettive nonché di regia rispetto alle azioni da adottare in condizioni di rischio o allarme"

MONOCOMPONENTE Un soggetto già immunizzato potrà adempiere all'obbligo vaccinale con vaccini in formulazione monocomponente o combinata in cui sia assente l'antigene per la malattia per cui si è già coperti.

PRENOTAZIONE IN FARMACIA Si potranno prenotare i vaccini nelle farmacie convenzionate aperte al pubblico attraverso il Centro unificato di prenotazione (Cup). In particolare, la norma prevede "in via sperimentale e al fine di agevolare gli adempimenti vaccinali relativi all'anno scolastico 2017/2018".

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca (59,6%). Centrodestra sconfitto

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Battuta Monica Picca: "Ha vinto con i voti di Casa Pound"

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è il nuovo minisindaco con il 59% dei voti

Sconfitta, al ballottaggio, Monica Picca, candidata del centrodestra. Ha votato il 33,6 dei 185mila aventi diritto

Ballottaggio elezioni Ostia

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca con il 59,6%. Sconfitto il centrodestra

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Netta sconfitta per Monica Picca (centrodestra) ferma al 40,4%

Assemblea nazionale di Articolo 1 - Mdp

Mdp e Si chiudono al Pd: "Tempo scaduto". Bersani: "Ci vediamo dopo le elezioni"

Nette le parole di Speranza: "Dobbiamo uscire dal teatrino di questi giorni. Renzi è un nome del passato non del futuro"