Venerdì 03 Agosto 2018 - 21:00

Cina pronta a dazi per 60 miliardi. Kudlow: "Non sottovalutare Trump"

Continua la guerra economica tra i due colossi

Metro apre il suo primo negozio a Foshan

La battaglia a colpi di dazi tra Stati Uniti e Cina non accenna a fermarsi: Pechino si dice pronta a imporre nuove tariffe doganali su 60 miliardi di dollari di beni statunitensi se Washington non eviterà una escalation nella crescente guerra commerciale tra i due Paesi.

Il ministero del Commercio cinese spiega che i nuovi dazi saranno applicati se Washington darà seguito alla minaccia del presidente Usa, Donald Trump, di estendere le tariffe su beni cinesi per 200 miliardi di dollari. Immediata la risposta del consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, che avverte Pechino di non "sottovalutare la determinazione del presidente Trump a spingersi ancora oltre". Il botta e risposta tra le due sponde del Pacifico arriva poco dopo i dati pubblicati dal dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

Il deficit commerciale a giugno ha fatto un balzo senza precedenti negli ultimi 19 mesi, riflesso di un aumento delle importazioni e di un calo dell'export, soprattutto di auto e velivoli. Nel dettaglio il deficit di beni e servizi si è attestato a 46,3 miliardi di dollari (+7,3%) con le esportazioni in calo dello 0,7% a 213,8 miliardi e le importazioni in aumento dello 0,6% a 260,2 miliardi. Questo forte rimbalzo del disavanzo è arrivato dopo il brusco calo in maggio che aveva ridotto il deficit degli Stati Uniti al livello più basso in 18 mesi ed è supera le attese degli analisti, che che si apettavano quota 45,6 miliardi.

Con la Cina - il secondo partner commerciale degli Usa dopo il Canada - il disavanzo commerciale si è ampliato dell'1,3% a 32,45 miliardi di dollari. La decisione di Pechino risponde alle crescenti pressioni da parte della Casa Bianca, che ha minacciato di portare le tariffe sulle importazioni cinesi dal 10% al 25%. Il ministero del commercio cinese ha specificato che "la data di applicazione" di questi nuovi dazi "è sospesa" fino alla contromossa degli Stati Uniti. La risposta di Pechino comporterebbe dazi compresi tra il 5% e il 25% da applicare a 5.207 prodotti importati dagli Usa. Tra questi figura un'ampia varietà di prodotti agricoli, carne bovina, prodotti tessili, componenti chimici, piccoli aeromobili e componenti aeronautiche, ma anche prodotti più 'casalinghi', come un tipo di preservativi.

Il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, dopo un incontro con il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, ha esortato gli Stati Uniti a "mantenere la calma", spiegando che "la cooperazione è l'unica scelta possibile" per entrambi i Paesi. Ma se il regime comunista non chiude la porta alla possibilità di una ripresa dei colloqui, sottolinea che solo "un dialogo basato sul rispetto reciproco e sulla parità" rappresenta una via "efficace". La Casa Bianca accusa la Cina di pratiche "sleali" e "furto di proprietà intellettuale", intimandole di ridurre il suo surplus commerciale annuale con gli Stati Uniti di 200 miliardi di dollari. A inizio luglio Washington ha imposto 34 miliardi di dollari di tariffe doganali sull'importazione di merci cinesi. Pechino ha immediatamente risposto tassando la stessa quantità di importazioni dagli Usa. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

LaPresse.it cambia, il nuovo sito online dal martedì 11 settembre

Informazione efficace, rapida, gratuita e approfondita: queste le linee guida che hanno orientato il restyling del nuovo sito LaPresse.it, che debutta martedì 11 settembre

ITALY-AIR-TRANSPORT-ALITALIA

Alitalia, l'esperto: "Ora nessuna chance di vendita"

Il professor Ugo Arrigo non crede alla pista cinese

Salone dell'automobile di Ginevra 2018 - presentazione New Cherokee e Wrangler

Fca, Elkann: "La scelta di Manley condivisa già con Marchionne"

L'assemblea dei soci lo ha confermato come amministratore delegato del gruppo con 99,58% voti a favore

Stabilimento siderurgico dell'Ilva a Taranto

Ilva, intesa su 10.700 assunzioni: no esuberi e Jobs Act

Raggiunto l'accordo dopo 18 ore di tavolo al Mise: ecco tutti i provvedimenti