Lunedì 16 Luglio 2018 - 13:00

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Un appello alle grandi potenze mondiali per evitare l'escalation delle guerre commerciali, e un invito a lavorare insieme per riformare il commercio globale e il Wto. Questo il messaggio dei leader dell'Unione europea, in visita a Pechino, con il premier cinese Li Keqiang. Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha chiesto a Stati Uniti, Cina e Russia di lavorare insieme per scongiurare il peggioramento delle tensioni commerciali globali, ed evitare così "conflitti e caos". "È un dovere comune dell'Europa e della Cina, ma anche degli Stati Uniti e della Russia", ha detto Tusk, "non distruggere, ma migliorare" il commercio mondiale e non avviare guerre doganali "che nella storia si sono spesso trasformate in guerre" vere e proprio. "C'è ancora tempo", ha detto il politico polacco.

Tusk ha parlato dopo aver incontrato, con il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, il premier cinese Li Keqiang in occasione vertice annuale Ue-Cina. La riunione tra i funzionari cinesi ed europei a Pechino va in scena mentre il presidente Usa Donald Trump e il leader russo Vladimir Putin si incontrano per uno storico summit a Helsinki. E dopo che, in un'intervista andata in onda domenica, Trump ha ulteriormente alimentato la tensione definendo l'Ue, la Russia e la Cina "nemici" degli Stati Uniti. Il presidente del Consiglio europeo a Pechino ha detto che il mondo ha bisogno di una riforma del commercio, e non di uno scontro. "Questo è il motivo per cui invito i nostri ospiti cinesi, ma anche i presidenti Trump e Putin, ad avviare un processo di profonda riforma del Wto", ha detto Tusk. "Oggi siamo di fronte a un dilemma: fare il gioco duro, con dazi e conflitti come in Ucraina e in Siria, o cercare soluzioni comuni basate su regole eque", ha spiegato. "Se vuole la Cina può aprire la sua economia, sa come farlo", ha sottolineato il Jean-Claude Juncker. La partnership tra Ue e Cina "è più importante che mai", ha aggiunto, "la nostra cooperazione ha senso, insieme valiamo un terzo dell'economia globale" e "i nostri scambi valgono 1,5 miliardi euro ogni giorno", ha ricordato. "Possiamo fare molto di più insieme", ha spiegato Juncker, "l'Europa vuole fare di più e investire di più in Cina" e per questo "serve un accordo che dia agli investitori da entrambi i lati un accesso a lungo termine ai rispettivi mercati".

Il presidente francese Emmanuel Macron aveva chiesto di avviare i colloqui per una revisione delle regole del Wto a fine maggio, quando  l'Europa si stavano preparando a rispondere alle tariffe statunitensi sulle importazioni di acciaio e alluminio entrate in vigore il 1 giugno. Nelle ultime settimane, poi, Trump ha imposto altri dazi per un valore di 34 miliardi su prodotti cinesi e ha minacciato altre azioni per 200 miliardi. Una mossa che ha provocato la reazione di Pechino, che ha annunciato un ricorso all'Organizzazione mondiale del commercio. "Allo scopo di soddisfare i suoi bisogni politici interni e contenere la Cina", si legge in una dichiarazione pubblicata lo scorso 12 luglio sul sito del ministero, "gli Usa hanno prodotto una serie di logiche politiche che hanno distorto la verità delle relazioni economiche e commerciali tra Cina e Stati Uniti". "I problemi nell'economia e nella società americana sono puramente causati da ragioni interne e strutturali negli Stati Uniti", prosegue la nota del dicastero del commercio cinese, spiegando che "le accuse degli Stati Uniti che la Cina trascuri gli scambi commerciali e non abbia adottato misure attive non sono vere". I dazi, dichiara il governo cinese, "sono una chiara violazione del principio base del Wto" e dello spirito "e dei principi fondamentali del diritto internazionale".

Nel secondo trimestre il Pil della seconda economia mondiale ha mostrato una crescita annua del 6,7%, in linea con le aspettative del mercato, ma in calo rispetto all'incremento del 6,8% dei primi tre mesi dell'anno. Un portavoce del governo ha avvertito che un conflitto commerciale minaccia tutte le economie. "Lo scontro provocato unilateralmente dagli Stati Uniti avrà un impatto sulle economie dei nostri paesi", ha avvertito Mao Shengyong, il portavoce dell'ufficio nazionale di statistica cinese, rilevando che "l'economia mondiale è profondamente integrata e le catene industriali sono diventate globalizzate" e quindi "anche molti altri paesi collegati saranno colpiti".
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Governo annuncia revoca concessioni ad Autostrade: titolo Atlantia a picco

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade per l'Italia che fa capo alla famiglia Benetton. La replica: "Provvedimento senza una contestazione specifica"

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

US-ENGLAND-ART

Tensione sui prezzi a luglio. L'inflazione sale all'1,5%

Un aumento dello 0,2% su base annua. Crescono alcuni bene di consumo. Meno i servizi