Giovedì 04 Gennaio 2018 - 18:45

Coppa del mondo di sci, Hirscher vince lo slalom di Zagabria ed eguaglia Tomba

Grande traguardo per il campione austriaco, che raggiunge la vittoria numero 50. Decimo posto per l'azzurro Moelgg

Snow Queen Trophy 2018: slalom gigante maschile a Zagabria

Marcel Hirscher raggiunge nello slalom di Zagabria la vittoria numero 50 della sua carriera e raggiunge Alberto Tomba nella speciale classifica dei plurivincitori di tutti i tempi. Davanti all'asso austriaco rimangono solo Herrmann Maier e Ingemar Stenmark. Hirscher ha preceduto per 5 centesimi il connazionale Michael Matt, a podio per la quinta volta nella sua storia in Coppa del mondo. Terzo, e ancora battuto, Henrik Kristoffersen, a 11 centesimi da Hirscher. Pinturault è quarto, Ryding quinto con una rimonta da 11 posti nella seconda manche. E' uscito di scena nella seconda manche per un'inforcata invece Stefano Gross, quinto a metà gara e in linea per un buon piazzamento nella seconda.

Manfred Moelgg si piazza al decimo posto con due manche abbastanza pulite ma non così efficaci. Alla fine il distacco del marebbano è di 2"37 dal leader. A punti anche Cristian Deville, che ripete il 23° posto di Val d'Isère. Non si erano qualificati nella prima manche Giuliano Razzoli, Tommaso Sala, Patrick Thaler, Federico Liberatore, Fabian Bacher, mentre era uscito Alex Vinatzer. La classifica generale e quella dello slalom vedono al comando gli stessi due atleti: nell'ordine Marcel Hirscher ed Henrik Kristoffersen. Nella generale Hirscher ha 94 punti di vantaggio sul norvegese ed è a quota 674 punti. In quella di disciplina i punti in favore di Hirscher scendono a 59, con l'austriaco a quota 354. Miglior azzurro nello slalom è Moelgg, undicesimo a 106 punti.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Discussione su dossier olimpico di Torino in consiglio comunale

Torino, Milano e Cortina inviano candidatura per Olimpiadi 2026. Malagò: "Coni laico"

Le tre città hanno rispettato la scadenza del 3 luglio. Appendino a Roma incontra Diana Bianchedi per illustrare il dossier