Giovedì 14 Giugno 2018 - 22:00

Copasir, Pd pronto alla guerra. Fi: "Meloni chiarisca se è opposizione"

Il Copasir va per legge alle forze parlamentari di minoranza

Assemblea di Confcommercio 2018

Il Pd è pronto a "scatenare un casino", per usare l'espressione di un dirigente, se la maggioranza Lega-M5S impedirà ai Dem di assumere la presidenza del Copasir a favore di Fdi. Per i dem sarebbe una violazione delle regole democratiche e degli equilibri interni. A quel punto, il Pd potrebbe fare 'ostracismo' e non indicare i nomi dei componenti delle altre commissioni di garanzia (Rai e giunte per le autorizzazioni)

Per difendere le garanzie costituzionali, i Dem intendono rivolgersi direttamente ai presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati. Ma se i presidenti non dovessero prendere nessuna decisione, fanno notare fonti parlamentari, la decisione spetta alla giunta per il Regolamento. È di ieri sera la riunione in Senato fra i quattro capigruppo Pd-Fi: Graziano Delrio e Andrea Marcucci, Maria Stella Gelmini e Anna Maria Bernini.

Riunione che ha messo in allarme Fratelli d'Italia, non a caso Giorgia Meloni ha chiesto a Silvio Berlusconi di smentire l'incontro. Da Forza Italia la replica suona come una doccia gelata: sia piuttosto Fratelli d'Italia a chiarire se è maggioranza o opposizione. "Se Fdi è all'opposizione - dice Gelmini -, si convochi al più presto un tavolo fra tutte le forze di opposizione per trovare una sintesi sulle presidenze delle commissioni bicamerali di garanzia". Per la capogruppo l'incontro di mercoledì a Palazzo Madama rientra nella "normale interlocuzione" tre le forze di minoranza. Anche se i contatti con Forza Italia sembrano essere rassicuranti e portare a un'intesa interna all'opposizione che vede Copasir ai Dem (candidato Lorenzo Guerini) e Vigilanza Rai agli azzurri (papabili Maurizio Gasparri e Paolo Romani), i voti potrebbero comunque venire a mancare al Pd.

I gialloverdi (o gialloblu) potrebbero infatti violare la prassi - secondo cui la maggioranza non vota per l'elezione dei presidenti delle commissioni di garanzia - e votare il candidato di Fratelli d'Italia, indipendentemente dal fatto che il Pd chiuda o meno l'accordo con Forza Italia. A quel punto, sarà battaglia in Parlamento. Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica è il tallone d'Achille del partito retto da Maurizio Martina, che rischia ora di restare a mani vuote. C'è un punto politico su cui i Democratici non intendono arretrare: le commissioni di garanzia spettano all'opposizione quindi a Pd, Fi e Leu. "Altrimenti va da sé che non sono più organi di garanzia", è il ragionamento a Montecitorio.

Il Copasir in particolare va per legge alle forze parlamentari di minoranza. Tutto sta nello stabilire se Fratelli d'Italia sia o meno opposizione, visto il voto di astensione sulla fiducia all'esecutivo M5S-Lega. Tanto fra i Dem quanto tra gli azzurri, in Senato si fa notare che, secondo il nuovo regolamento di Palazzo Madama, l'astensione non vale più voto contrario, esattamente come alla Camera. Ed essendo il Copasir una commissione bicamerale, Fratelli d'Italia risulta in entrambi i rami del Parlamento una forza 'neutra', senz'altro non di opposizione.

Scritto da 
  • Elisabetta Graziani
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-ACCIDENT-BRIDGE-COLLAPSE

Genova, l'Independent attacca il governo: "Stolte accuse all'Ue"

Editoriale durissimo: "La gang di populisti ha cercato di sfruttare il tragico crollo del ponte a fini politici". La commissione: "Sicurezza spetta a concessionario"

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015