Mercoledì 13 Giugno 2018 - 10:30

Guess, il cofondatore Paul Marciano si dimette dopo le accuse di violenza sessuale

Non c'è ancora un giudizio certo, ma già cinque persone hanno ricevuto un risarcimento di 500.000 dollari

evento Denim Day a Palazzo Barberini a Roma

Il cofondatore di Guess, Paul Marciano, accusato di molestie e violenza sessuale, si è dimesso dalla sua posizione di presidente della società e lascerà la carica di direttore creativo all'inizio del 2019.

La decisione del manager arriva dopo la presentazione al consiglio di amministrazione di un rapporto sulle accuse contro l'uomo di affari franco-marocchino. Secondo il documento, non è stato possibile provare con certezza le accuse e in alcuni casi gli investigatori hanno ritenuto che sia la versione data dalla vittima che quella di Marciano fossero credibili.

L'inchiesta a suo carico ha però stabilito che "in alcune occasioni" Marciano avesse "commesso degli errori di comunicazione con modelli e fotografi" e che si fosse messo "in situazioni in grado di sollevare accuse di comportamento scorretto".

Anche se le accuse non hanno comportato un giudizio certo, il gruppo Guess e il suo cofondatore hanno stipulato accordi amichevoli con cinque persone che sono state risarcite con 500.000 dollari in totale.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, l'arrivo della Aquarius a Valencia

Migranti, mini-summit Ue a Bruxelles. A Budapest gruppo Visegrad incontra Austria

Juncker convoca otto Paesi, tra cui Italia e Malta, in vista del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno. Intanto il premier austriaco incontra gli "ostili alle quote"

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Migranti, per Consiglio Ue si lavora a 'piattaforme di sbarco regionali'

Allo studio una misura per individuare i richiedenti asilo prima della traversata in strutture al di fuori dell'Ue

Migranti, rapporto Ocse: "Sbarchi in Italia calati del 34% nel 2017"

I dati del dossier annuale sulle migrazioni pubblicato in occasione della Giornata mondiale dei rifugiati

Stati Uniti, proteste contro il trattamento dei migranti al confine con il Messico

Il Papa attacca Trump: "Immorale separare i bimbi dalle famiglie"

Anche il Pontefice si schiera contro la politica tolleranza zero sel presidente americano