Martedì 12 Settembre 2017 - 23:00

Champions, Atletico Madrid non sfonda a Roma: Alisson blinda pari

Un giusto pareggio a reti bianche all'Olimpico

Champions League - AS Roma vs Atletico Madrid

Nel girone di ferro comprendente pure il Chelsea la Roma e l'Atletico Madrid lasciano al futuro il loro destino. Troppa l'importanza della posta in palio per compiere un passo falso. Ne esce un giusto pareggio a reti bianche dove entrambe hanno le loro occasioni per portare a casa l'intera posta in palio ma, allo stesso tempo, non danno l'impressione di spingere in fondo sull'acceleratore per non correre il rischio di rimanere con un pugno di mosche in mano.

Dopo tre minuti di timido possesso palla romanista l'Atletico mette la testa avanti. Cross teso di Filipe Luis per l'inserimento di Saul il cui piatto sfiora il palo. Come da tradizione del 'cholismo' i Colchoneros si difendono con tutti gli uomini alle spalle del pallone e cercano di ripartire velocemente. Il compito di accendere la luce nelle feroci ripartenze è sempre di Saul con Griezmann pronto a trasformare in oro tutto ciò che gli capita a tiro. Al 25' il francese si gira e spara verso la porta, fuori di poco. La Roma dal canto suo prova a districare la matassa passando per le fasce. Quella che funziona meglio è la sinistra del tandem Kolarov-Perotti. Proprio quest'ultimo alla mezzora ci prova da distanza siderale, alto. Contro una squadra così chiusa come l'Atletico i calci da fermo sono occasioni d'oro.

Ed è proprio su una punizione al 32' che la Roma ha l'occasione più ghiotta del primo tempo. Kolarov batte verso il limite dell'area dovè è pronto Nainggolan. Il tiro del belga, passa fra una selva di gambe ma Oblak c'è. Come un cobra che attende paziente per morsicare la sua preda sul ribaltamento di fronte l'Atletico va a pochi centimetri dal gol. A negare la gioia del vantaggio a Koke, con Alisson battuto, è una scivolata in stile hockey su ghiaccio di Manolas sulla linea di porta. Prima dell'intervallo c'è ancora spazio per il primo acuto di Dzeko: la mira del bosniaco, da buona posizione, è difettosa.

 

Anche ad inizio ripresa le pedine sulla scacchiera restano posizionate nella stessa maniera. L'arrocco madrilista da un parte il paziente movimento dei pedoni giallorossi dall'altra. Per dare scacco però servirebbe ben altro. Anche perché dall'altra parte c'è sempre il cavallo di razza Saul che al 12' mette Vietto solo davanti ad Alisson. Il portiere brasiliano fa il miracolo mentre Simeone si infuria e manda sotto la doccia il suo attaccante. L'Atletico alza il baricentro ed Alisson è chiamato all'ennesima parata decisiva, questa volta sul nuovo entrato Correa, al 18'. La Roma corre ai ripari. Fuori Defrel e dentro Fazio per aumentare il tonnellaggio in fase dìfensiva con tre centrali e due esterni. Mossa azzeccata perché i padroni di casa riprendono il bandolo della matassa e tornano a farsi vedere dalle parti di Oblak con Perotti che reclama un dubbio rigore. L'ultima occasione a tempo praticamente scaduto però e di marca iberica. Zuccata perentoria del solito Saul su angolo e solita risposta di Alisson poi a salvare la Roma dalla sanguinosa beffa sul tap in è il palo.
 

Scritto da 
  • Andrea Capello
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milan - Austria Vienna

Milan-Austria Vienna, le pagelle: Silva-Cutrone sontuosi, Bonucci stecca ancora

I giovani sono i migliori nella quinta partita di Europa League

Milan - Austria Vienna

Europa League, Milan ai 16/i: Silva e Cutrone travolgono Austria Vienna

La coppia baby del Milan - poco più di 40 anni in due - stende l'Austria Vienna con una doppietta a testa

UEFA Europa League - Everton vs Atalanta

Atalanta, notte magica. Everton travolto a Goodison Park: 1-5

Doppiette di Cristante e Cornelius e rete di Gosens. Nessuna squadra italiana aveva mai vinto qui. Storica qualificazione ai sedicesimi di Europa League

Europa League - Lazio vs Vitesse Arnhem

Europa League, Vitesse spaventa Lazio poi Luis Alberto trova il pari

Ospiti in vantaggio al 13'pt con Linssen, pareggio di Luis Alberto al 42'