Lunedì 11 Settembre 2017 - 21:00

Catalogna, un milione in corteo pro referendum indipendenza a Barcellona

La Corte costituzionale spagnola ha sospeso la consultazione, ma i catalani non ci stanno

Catalogna, un milione in corteo pro referendum indipendenza a Barcellona

Circa un milione di catalani hanno sfilato per le vie di Barcellona, sventolando le bandiere rosse e gialle della Catalogna, in segno di sostegno al referendum per l'indipendenza della regione, che è stato indetto per il 1° ottobre ma il governo spagnolo si è mosso per bloccare. Alla manifestazione si è anche tenuto un minuto di silenzio in ricordo delle vittime morte negli attacchi di agosto.

Il corteo giunge nella cosiddetta Diada, festività in cui la Catalogna commemora la caduta di Barcellona nelle mani della Spagna nel 1714. Questa giornata viene tradizionalmente usata dagli indipendentisti per rinnovare il proprio invito a staccarsi dal governo centrale di Madrid. Giovedì la Corte costituzionale spagnola ha sospeso il referendum a seguito dell'azione legale avviata contro la consultazione del premier Mariano Rajoy. "Non esiste l'ipotesi che il referendum non vada avanti", ha dichiarato oggi il governatore della Catalogna, Carles Puigdemont, aggiungendo che è anche pronto ad andare in prigione. Finora la maggioranza dei sindaci della regione ha annunciato che permetterà l'uso delle strutture municipali per il voto.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, celebrazioni Diada a Barcellona

Referendum Catalogna, arrestati 13 degli organizzatori

Tra loro il braccio destro del vicepresidente. Secondo il governo di Madrid i reati consisterebbero proprio nell'aver organizzato il referendum incostituzionale. Proteste in piazza

Forte scossa di terremoto in Messico: si scava sotto le macerie

Terremoto di 7,1 in Messico, almeno 216 morti. Crolla scuola, bimbi in trappola

La capitale allo stremo delle forze, 4,6 milioni di case sono senza luce. Si cercano dispersi e si temono mille morti