Sabato 21 Ottobre 2017 - 19:00

Catalogna, Rajoy destituisce Puigdemont. In 450mila scendono in piazza a Barcellona

Il governo di Madrid applica l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato

Barcellona, in migliaia manifestano contro il governo

Destituire il governo della Catalogna, commissariandola, e convocare elezioni regionali entro sei mesi. Sono queste in sintesi le misure che l'esecutivo di Madrid, guidato dal premier Mariano Rajoy, ha deciso di proporre al Senato spagnolo nel tentativo di trovare una soluzione alla questione catalana 20 giorni dopo il referendum del 1° ottobre sull'indipendenza, tenutosi nonostante fosse stato dichiarato illegale dalla Corte costituzionale spagnola. È con questi provvedimenti che il governo Rajoy ha deciso, in una riunione straordinaria del Consiglio dei ministri durata circa due ore, di applicare l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato spagnolo, che dovrà votare nella riunione plenaria in programma per venerdì 27 ottobre sul pacchetto di proposte presentato dall'esecutivo. L'articolo 155, finora mai invocato in Spagna, prevede che nel caso in cui una regione "agisca in un modo che minaccia l'interesse generale della Spagna" Madrid possa "adottare le misure necessarie a obbligarla ad attenersi".

Intanto 450mila persone si sono raccolte nel centro di Barcellona: inizialmente la manifestazione era stata indetta per chiedere la scarcerazione dei due leader indipendentisti Jordi Sanchez di Asamblea nacional catalana (Anc) e Jordi Cuixart di Omnium Cultural; ma dopo l'annuncio di Rajoy si è trasformata anche in protesta contro il commissariamento del governo catalano. In testa al corteo, partito alle 17 circa dall'incrocio fra il Passeig de Gràcia e la via Aragó, il governatore della Catalogna Carles Puigdemont e gli altri membri del suo Govern. 

PUIGDEMONT: PEGGIOR ATTACCO DAI TEMPI DI FRANCO. E dopo la manifestazione arriva la dura risposta del governatore catalano. La decisione del governo di Madrid di applicare l'articolo 155 "è il peggior attacco dai tempi del franchismo". "Non è la prima volta che le istituzioni catalane, con il beneplacito del re, ricevono un golpe", ha aggiunto. Il governo spagnolo" del premier Mariano Rajoy "ha preso la peggiore decisone dai tempi di Franco malgrado la volontà (espressa nel referendum) dei catalani, il governo si è illegittimamente proclamato titolare del potere politico in Catalogna".

"Non accetteremo l'umiliazione da parte di Madrid". "Quello alla Catalogna - ha aggiunto - è un attacco alla democrazia".

Il governatore ha poi chiesto che il Parlament di Barcellona si riunisca la settimana prossima per esaminare "le misure da prendere". Puigdemont chiederà al Parlament di tenere una sessione plenaria per prendere delle decisioni dopo il "tentativo di liquidare" l'autogoverno catalano.

LE MISURE DEL GOVERNO. Il governo spagnolo ha proposto, precisamente, i seguenti provvedimenti: destituire il presidente della Generalitat Puigdemont, il suo vice Oriol Junqueras e gli altri membri del suo governo; attribuire alle autorità che verranno indicate dal governo centrale (forse anche i ministeri centrali corrispondenti) le competenze che erano finora delle autorità catalane; tagliare alcuni poteri del Parlamento catalano, seppur non sciogliendolo, per evitare che "ammetta iniziative contrarie alla Costituzione"; e ha proposto anche che passi al presidente del governo, cioè a lui stesso, la facoltà di sciogliere il Parlamento catalano, andando a nuove elezioni entro sei mesi. Il premier ha precisato che vorrebbe andare a elezioni regionali "il prima possibile, non appena sarà recuperata la normalità istituzionale". Secondo quanto emerge dal documento approvato nella riunione, inoltre, le misure implicano che Madrid prenda il controllo dei Mossos d'Esquadra (cioè la polizia catalana) e possa destituire o nominare i responsabili delle emittenti TV3 e Catalunya Radio, per garantire secondo Madrid un'informazione vera e rispettosa del pluralismo politico.

Il primo ministro ha sottolineato che così "non si sospende l'autonomia né l'autogoverno della Catalogna, ma si sospendono le persone che hanno messo il governo fuori dalla legge". Secondo la versione di Rajoy, le autorità della Catalogna hanno "cercato lo scontro" e la Generalitat non ha mai cercato il dialogo ma l'imposizione, così "non era nostro desiderio ma abbiamo dovuto applicare l'articolo 155 della Costituzione". Quattro gli obiettivi per Rajoy: tornare alla normalità e alla legalità; recuperare la convivenza comune; continuare con il rilancio e recupero economico perché ne va della vita delle persone, per esempio con l'occupazione; e indire elezioni regionali in una situazione di normalità.

Mentre Rajoy ha ringraziato per il loro appoggio il partito socialista Psoe, nonché Ciudadanos, numerose sono le critiche giunte al suo piano. Il partito di Puigdemont, il PDeCAT, ha definito l'annuncio "il peggior attacco da secoli" al popolo catalano; il portavoce del PDeCAT, Josep Lluis Cleries, ha denunciato che si tratta di "un colpo di Stato contro la Catalogna" davanti al quale non si può "restare a braccia conserte". Inoltre il partito di sinistra Podemos, non favorevole all'indipendenza ma che finora ha sempre spinto per il dialogo, si è detto "scioccato" dalle misure annunciate da Rajoy, accusando il premier di "sospendere la democrazia".
 

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi

US President Trump holds a cabinet meeting

Usa, Fbi sequestra audio di Trump su pagamento a ex modella di Playboy

A dare lo notizia è il New York Times: si tratta della registrazione di una conversazione tra il presidente Usa e il suo avvocato