Venerdì 20 Ottobre 2017 - 13:15

Caso Weinstein, il produttore a Lupita Nyong'o: "Se non cedi non farai mai l'attrice"

L'interprete premio Oscar 2013 racconta di aver subito pesanti avance dal produttore hollywoodiano

Crystal + Lucy Awards 2017 a Beverly Hills

Continuano le denunce da parte delle attrici di Hollywood degli abusi e delle molestie subite da parte del produttore Harvey Weinstein. Le donne che hanno deciso di far sentire la propria voce sono ormai una cinquantina: da Cara Delevingne ad Angelina Jolie, da Gwyneth Paltrow ad Asia Argento

Oggi si aggiunge Lupita Nyong'o: 34 anni, vincitrice del premio Oscar 2013 per la sua interpretazione in 12 anni schiavo, ha raccontato in un editoriale su The New York Times di aver incontrato il produttore a una cena al Berlino Film Festival quando era ancora una studentessa. L'attrice ha spiegato di aver subito pesanti avance e per cercare "di guadagnare tempo" gli concesse un massaggio. "Dovevo trovare un modo - ha raccontato - di uscire da quella difficile situazione", in cui il produttore insisteva per togliersi i pantaloni. La giovane attrice non ha ceduto e se n'è andata. In un'altra occasione Weinstein le avrebbe suggerito di fare ciò che lui le chiedeva, condizione necessaria - le avrebbe detto - per fare l'attrice a Hollywood.

Sempre sul New York Times di oggi, anche Quentin Tarantino ha commentato l'accaduto, dichiarando di aver sempre saputo senza mai aver denunciato.

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Photocall del film Ant-Man and The Wasp

"Ant-man and The Wasp" apre Giffoni 2018, Lilly e Rudd: "Parità dei sessi e sguardo ai bimbi in questo Marvel"

Il secondo film dedicato al più piccolo dei supereroi arriverà nelle sale italiane ad agosto

Festival di Venezia 2016

"First Man" aprirà Venezia 75: Chazelle e Ryan Gosling ancora insieme dopo "La La Land"

La storia della missione della Nasa per far sbarcare l'uomo sulla Luna

 Johnny Depp riceve da Joe Perry il Kerrang Inspiration Award.

Johnny Depp raggiunge l'accordo con ex manager: non si andrà a processo

L'attore ha accusato The Management Group di aver gestito male le sue finanze, ma per la società era lui a fare 'spese pazze'