Mercoledì 06 Giugno 2018 - 15:30

Cancro al seno, il vademecum degli oncologi per prendere il sole

Ecco i cinque punti fondamentali per andare al mare in tranquillità

Roma. Race for the cure, circo massimo

L'estate è ormai alle porte e la 'voglia' più comune è quella di poter prendere il sole in spiaggia per un'abbronzatura completa. Ovviamente il desiderio è lo stesso anche le tante donne operate di cancro al seno, soprattutto per lasciarsi alle spalle le cicatrici, non solo fisiche, che l'intervento ha provocato, riappropriandosi della propria femminilità.

Ma è possibile godersi i raggi solari e fare un bel bagno in tutta sicurezza? Assolutamente sì, come spiegano il professor Giuseppe Petrella, oncologo e docente ordinario di Chirurgia generale presso l'Università Tor Vergata di Roma, e il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Club in una guida in 5 punti.

1. La prima raccomandazione è aspettare almeno sei mesi: grazie alle suture intradermiche con punti riassorbibili la qualità delle cicatrici post-intervento è migliorata moltissimo; ma se all'inizio la cicatrice è bianca dopo un mese diventa rossa perché c'è comunque un elemento irritativo. Meglio, quindi, aspettare almeno 180-360 giorni dall'operazione prima di esporsi al sole, proprio per evitare che la cicatrice si irriti ulteriormente.

2. Chi ha già trascorso i 6 mesi dall'operazione non ha bisogno di indossare particolari indumenti al di là del costume: basta una protezione solare molto alta, con un SPF superiore a 50, tranne in casi particolari in cui la cicatrice non si possa coprire neanche indossando un costume intero; in quel caso conviene indossare indumenti protettivi come delle casacche.

3. Il terzo punto fondamentale è l'ora di esposizione: la regola fondamentale, indipendentemente dalla cicatrice, è sempre quella di esporsi ai raggi solo nelle prime ore del mattino o dopo le 17.

4. Fare il bagno al mare, sempre con la cicatrice coperta e non esposta al sole, non solo è possibile ma è addirittura consigliato: nuotare fa benissimo, soprattutto alle donne che hanno subìto lo svuotamento ascellare.

5. L'ultima raccomandazione medica è più cautela in caso di chemio e radioterapia. Il motivo? Nel primo caso ci sono dei farmaci che possono provocare danni notevoli sulla cute e l'esposizione al sole può peggiorare questi danni. Per chi ha affrontato la radioterapia, invece, niente sole almeno per un anno per il problema delle radiodermiti, delle teleangectasie e di tutta una serie di complicanze che possono provocare seri problemi alla donna.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

A Latina i Pediatric Simulation Games. Così i pediatri imparano a salvare vite

Per cinque giorni nella città laziale si "scontreranno" le squadre di 32 scuole di pediatria da tutta Italia. Metteranno in pratica le tecniche di salvataggio su manichini elettronici. Una giuria internazionale deciderà i vincitori

Vaccini, si cambia ancora. Autocertificazione valida fino a marzo 2019

Emendamento della maggioranza al Milleproroghe. Probabilmente si vuole dar tempo alle famiglie di mettersi in regola

Vaccini, petizione Unicef: "Proteggi un bambini, proteggili tutti"

L'organizzazione Onu lancia un appello alla vaccinazione di massa: Lìallarme sugli oltre mille casi di contagio di morbillo in sei mesi in Italia

Via libera alla terapia cellulare CAR-T contro linfomi e leucemia Lla

L'annuncio di Novartis che l'ha sviluppata con l'Università della Pennsylvania. E' la prima terapia cellulare contro i tumori in Europa. Ecco come funziona