Domenica 12 Agosto 2018 - 16:45

Berlusconi con Briatore e Bouygues: pranzo vip a Villa Certosa

Nella foto il Cav appare sorridente, ma anche stanco e molto dimagrito. E gli utenti su Instagram si preoccupano

Pranzo da vip a Villa Certosa in Sardegna, con Silvio Berlusconi padrone di casa in compagnia di Flavio Briatore e Martin Bouygues. A postare la foto di gruppo su Twitter e su Instagram lo stesso Briatore con a corredo il cinguettio: "Lunch con Silvio Berlusconi molto in forma e Martin Bouygues #villacertosa #sardegna".

A differenza di quanto scrive Briatore, tuttavia, per molti utenti il Cav è tutt'altro che in forma smagliante. "Trovo Berlusconi molto dimagrito e sofferente", "Berlusconi in questa foto fa veramente paura!", si legge nei commenti che accompagnano la foto. Nelle scorse settimane, il leader di Forza Italia è tornato in ospedale, ma solamente per sottoporsi a dei controlli di routine, dopo i quali è subito tornato a casa.

 

 

Lunch con #silvioberlusconi molto in forma e #martinbouygues #villacertosa #sardegna

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio) in data:

 

 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, Mit e Autostrade nel mirino. Pressing per dimissioni Ferrazza

Bufera sull'architetto alla guida della commissione d'inchiesta del ministero

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"

Genova, crollo Ponte Morandi: Matteo Salvini sul luogo del disastro

Autostrade, l'ipotesi nazionalizzazione agita il governo e la Lega

Fa discutere anche il voto del Carroccio, nel 2008, a favore della conversione del decreto 'Salva Benetton'