Mercoledì 13 Settembre 2017 - 16:30

Bayern, la rabbia di Ribery: sostituito, rifiuta il saluto ad Ancelotti

Il tecnico stupito: "Non ho parole"

Bayern, la rabbia di Ribery: sostituito, rifiuta il saluto ad Ancelotti

La rabbia di Frank Ribery sta causando nuove preoccupazioni al Bayern Monaco e al suo tecnico Carlo Ancelotti. Dopo la sostituzione al 78° minuto del match di Champions League contro l'Anderlecht vinto dai bavaresi per 3-0, il francese ha rifiutato di stringere la mano al tecnico, ha tolto la maglia ed è andato via. "Non ho parole", ha dichiarato Ancelotti, a chi gli ha chiesto la ragione del comportamento di Ribery.

Apparentemente, il tre volte vincitore della Champions era profondamente frustrato: "Il giocatore ha visto il cartellino giallo, non si era allenato domenica e ho voluto dargli più tempo per recuperare", ha chiarito Ancelotti. "Ribery non è stato sostituito per una prestazione scarsa". "La sua reazione non è quella che noi vogliamo vedere", ha affermato Hasan Salihamidzic, direttore sportivo del club bavarese. "Dovremo parlarne".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ronaldinho File Photo

Si ritira Ronaldinho, Pallone d'oro del 2005. Tre stagioni nel Milan

Il brasiliano, 37 anni, da quasi due non gioca partite ufficiali pur essendo tesserato del Fluminense. Ha giocato nel Psg e nel Barca

Real Madrid vs Villareal - La Liga spagnola

Ronaldo e il futuro (incerto): l'agente pronto a negoziare l'addio al Real

Secondo i media portoghesi, in casa Blancos si starebbero esaminando le varie proposte per trattare sulla partenza del fuoriclasse

Liverpool v Manchester City - Premier League

Premier League, pioggia di gol e spettacolo: il Liverpool supera il City 4-3

Dopo 23 giornate cade l'imbattibilità della squadra di Guardiola, capolista in campionato con 62 punti. I Reds salgono a 47

"Guarda come i cioccolatini si fondono al sole": è bufera sullo Spartak Mosca

Il commento razzista in un video pubblicato su Twitter. Il club si difende: "Era uno scherzo"