Mercoledì 13 Giugno 2018 - 09:00

Ancona, rapporti non protetti per 35enne con Hiv: 228 potenziali vittime

Era consapevole di essere affetto dal virus da almeno undici anni

Scampia, omicidio di Nicola Notturno figlio del boss degli scissionisti

Affetto da 11 anni da Hiv, avrebbe avuto rapporti sessuali senza alcun tipo di protezione. Sarebbero 228 le potenziali vittime. È stato arrestato un 35enne anconetano, responsabile di lesioni gravissime dolose ai danni della sua partner, che ha sporto denuncia. L'operazione è stata condotta dal Servizio centrale operativo della polizia e dalla squadra mobile di Ancona, coordinati dalla procura.

I due si erano conosciuti a fine anno a una cena ed avevano cominciato a frequentarsi assiduamente dal mese di febbraio, fino a quando la giovane, lo scorso mese, dopo una serie di specifici malesseri fisici e insospettita da alcune dicerie sullo stato di salute del suo partner che giravano nell'ultimo periodo della loro storia, si è sottoposta ad accertamenti clinici all'Ospedale regionale di Torrette (Ancona).

Gli esiti clinici effettuati nel reparto malattie infettive non hanno lasciato scampo, in quanto la giovane vittima ha ricevuto dal primario del reparto il responso di essere stata contagiata nel recente periodo trascorso dal virus dell'Hiv.

Appena intuita la malafede di colui che le diceva di essere l'uomo della sua vita, la donna si è rivolta alla polizia per perseguire il responsabile della malattia e, quindi, del reato di lesioni gravissime dolose.

Secondo quanto emerso dagli accertamenti investigativi, il 35enne era già affetto dalla sindrome da almeno 11 anni. Gli inquirenti hanno accertato anche "la sua imperdonabile malafede in quanto consapevole del suo stato di salute, quindi responsabile a titolo di dolo di non aver adottato le necessarie precauzioni per evitare il contagio" alle vittime, che non informava "del suo stato di salute". Sono in corso indagini per identificare altri probabili partner potenzialmente contagiati.

Nelle prime ore del pomeriggio di ieri, al termine dell'attività di indagine, i poliziotti hanno raggiunto l'indagato a casa sua e lo hanno arrestato su ordine del gip di Ancona. Successivamente sono state eseguite le perquisizioni domiciliari delegate dalla procura volte alla ricerca di ulteriori elementi di prova utili al proseguimento delle indagini. Sono stati sottoposti a sequestro computer, tablet, telefonini e supporti informatici, visto che l'uomo utilizzava soprattutto 'chat' per avere nuove frequentazioni.

"A sorprendere gli investigatori durante le fasi dell'arresto, è stata soprattutto il cinismo con cui l'uomo, nonostante i risultati delle analisi, rifiutava di considerarsi malato affermando di ritenersi un negazionista dell'esistenza di tale malattia. Non riconoscendo di essere affetto da Hiv, ha continuato negli anni ad avere rapporti sessuali, anche non protetti, senza avvisare le partner occasionali", segnala la questura di Ancona.

Dopo il suo primo fotosegnalamento e i rilievi dattiloscopici, l'uomo è stato portato in carcere a Montacuto (Ancona) dove attualmente si trova a disposizione dell'autorità giudiziaria.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

Guardia costiera e soccorso nel Mediterraneo Centrale: ecco come funziona

Quando e come devono rispondere a una richiesta di soccorso, di chi è la competenza, cosa sono la Sar e il place of safety

Chef Rubio: "'Cus cus clandestino' contro le bugie di Salvini per Soumaila"

A Milano il 3 luglio la serata di cibo e solidarietà organizzata dall'Usb. Lo chef senza peli sulla lingua: "Continuerò a dire ciò che penso a costo di rischiare la professione"

Operazione di salvataggio di 433 migranti al largo della costa libica

"Rivolgetevi a Tripoli". La prassi della guardia costiera italiana per le navi in acque libiche

Ecco cosa succede quando un'imbarcazione chiede soccorso all'Italia ma si trova nella zona di competenza di un altro Paese

Lifeline ancora in attesa: "Aiutateci". Malta: "Si allontani per evitare escalation"

La nave in mare senza indicazioni su dove attraccare: "Abbiamo bisogno di farmaci e coperte". Roma dice no, La Valletta attacca l'ong: "Hanno violato le regole"