Lunedì 12 Febbraio 2018 - 19:45

Aereo caduto a Mosca, Saratov sospende voli An-148, trovate scatole nere

Tutte le 71 persone a bordo sono morte nell'incidente: il veivolo non è esploso in volo, ma nell'impatto con il terreno

RUSSIA-PLANE-CRASH

Continuano, complicate dalla neve alta, le operazioni degli investigatori sul luogo dello schianto dell'aereo Antonov An-148, precipitato vicino a Mosca uccidendo tutte le 71 persone a bordo.

Intanto, Saratov Airlines ha sospeso tutti i voli con questo modello di aereo, mentre gli investigatori in attesa della decodifica delle scatole nere, entrambe ritrovate, hanno rivelato che il velivolo non si è incendiato in volo, ma è esploso nell'impatto con il terreno. Il presidente Vladimir Putin a causa del disastro ha cancellato il previsto viaggio a Sochi, dove avrebbe dovuto incontrare il presidente palestinese Mahmoud Abbas, spostando a Mosca la sede dell'appuntamento.

L'incidente è avvenuto domenica, nella zona di Ramensky a poco più di 50 chilometri dalla capitale russa. L'aereo era partito dall'aeroporto moscovita di Domodedovo ed è precipitato poco dopo il decollo, uccidendo tutti i 65 passeggeri e sei membri dell'equipaggio, tra cui c'erano tre bambini, una di 5 anni. Il volo era operato dalla compagnia russa Saratov Airlines ed era diretto a Orsk, non lontano dal confine kazako.

L'An-148 si è schiantato in un campo coperto da un fitto strato di neve, rendendo difficile non solo l'accesso, ma anche il recupero dei resti. I soccorritori hanno spesso dovuto rimuovere la neve con pale, non potendo usare macchinari. Secondo le previsioni delle autorità, potrebbe essere necessaria almeno una settimana per ispezionare tutta l'area su cui i rottami dell'aereo sono sparsi, poiché essa si allarga per oltre 30 ettari di terreno. A mezzogiorno, ora locale, di lunedì erano stati ispezionati otto ettari, su cui sono stati trovati molti frammenti di corpi e rottami dell'aereo, secondo Tass che ha citato personale di emergenza.

Svetlana Petrenko, portavoce della Commissione investigativa che indaga sull'incidente, ha spiegato che l'aereo "era intatto al momento della sua discesa e che non c'è stato alcun incendio. L'esplosione è avvenuta quando l'aereo ha colpito il terreno". Ha anche specificato che "nel corso delle indagini preliminari tutte le versioni saranno analizzate, incluso il lavoro per indagare sulle attività della compagnia aerea, le condizioni tecniche dell'aereo e il livello professionale dei piloti", mentre sono state condotte perquisizioni negli uffici della Saratov Airlines. Le scatole nere sono state trovate, ha spiegato inoltre, e sono danneggiate ma probabilmente decodificabili.

Mentre Saratov Airlines ha sospeso "temporaneamente" l'uso dei suoi sei aerei An-148, la compagnia ucraina Antonov ha fatto sapere di essere pronta a inviare i propri specialisti perché partecipino alle indagini. L'aereo è stato costruito in Ucraina nel 2010, acquistato un anno fa dalla compagnia e controllato approfonditamente a gennaio, ha riferito Saratov Airlines, mentre il modello aveva realizzato il suo primo volo nel 2004. Da quando ha iniziato a volare, questo tipo d'aereo ha avuto almeno cinque incidenti che hanno riguardato il carrello d'atterraggio, il sistema elettrico e il sistema di guida. 

Scritto da 
  • Agnese Gazzera
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

AFGHANISTAN-UNREST-BLAST

Afghanistan, kamikaze contro scuola in zona sciita: almeno 37 morti

Sono per la maggior parte studenti. Nessun gruppo ha rivendicato la violenza

EGYPT-UNREST-CHURCH-ATTACK

Sudan, naufragio sul Nilo: muoiono 22 bambini e una donna

La barca è affondata a causa di un guasto al motore

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

Aquarius attracca a Malta: migranti accolti anche dall'Italia

Dopo tre giorni di attesa in mare, la nave dell'Ong arriva al porto di La Valletta: dei 141 a bordo 67 sono minori non accompagnati

Israele, Benjamin Netanyahu in conferenza stampa

Distensione in Medioriente: Israele riapre passaggio merci verso Gaza

Segnale di temporaneo disgelo tra le parti in conflitto. Ma la tregua vera è ancora lontana