Mercoledì 23 Maggio 2018 - 09:45

Addio a Philip Roth: la vita dello scrittore in date

Dal suo primo romanzo di successo pubblicato nel 1969 al ritiro nel 2012

È morto Philip Roth, vincitore del premio Pulitzer nel 2002

E' scomparso, all'età di 85 anni, lo scrittore statunitense Philip Roth. Ecco le date chiave della sua vita.

19 marzo 1933: Roth nasce a Newark, in New Jersey;

1959: pubblica la raccolta di racconti 'Addio, Columbus e cinque racconti' che riceve il prestigioso US National Book Aeward l'anno successivo. Per Roth è il primo di una lunga serie di premi;

1959: sposa Margaret Martinson, dalla quale divorzia quattro anni dopo. Il suo secondo matrimonio, durato dal 1990 al 1995, è con l'attrice inglese Claire Bloom;

1969: pubblica 'Lamento di Portnoy', romanzo sessualmente esplicito che sarà anche il suo primo grande successo;

1979: esce 'Lo scrittore fantasma', il primo di una serie di romanzi narrati dal suo alter ego Nathan Zuckerman;

1998: Roth riceve il Premio Pulitzer per 'Pastorale americana', uscito nel 1997;

2005: diventa uno dei pochi scrittori viventi (il terzo) ad avere la sua opera completa pubblicata alla Library of America;

2010: esce il suo ultimo romanzo, 'Nemesis', che parla di una epidemia di poliomelite nel 1944;

2011: riceve il Man Booker International Prize per la sua carriera nella letteratura;

2012: si ritira, annunciando che smetterà di scrivere romanzi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

All'Off Topic di Torino la proiezione di '78 Vai piano ma vinci' di Alice Filippi

Appuntamento mercoledì 20 giugno in via Pallavicino 35: alle 20 l'intervista alla regista, dalle 21.30 la visione del film

'Il volto, riflesso dell’anima': gli scatti di Damiano Andreotti all'Off Topic di Torino

I lavori del fotografo di fama internazionale in mostra fino al 9 giugno nel nuovo hub culturale di via Pallavicino 35

'Attila' apre la stagione 2018-2019 della Scala. A luglio arriva Woody Allen

Si parte il 7 dicembre - anche quest'anno in diretta su Rai1 - con un calendario ricco di capolavori italiani e non

Trent'anni senza: la mostra omaggio ad Andrea Pazienza

Una intensa esposizione di opere originali che celebra uno dei più eclettici e geniali autori italiani di tutti i tempi