Mercoledì 03 Gennaio 2018 - 13:15

A tavola insetti e nanomateriali. Le nuove regole Ue per il cibo

Le norme europee sul "novel food". Mangeremo grilli e coleotteri rispettando la legge

Thailandia, è boom di snack a base di insetti: la start-up Smile Bull

L'insetto è servito. Con l'entrata in vigore delle nuove normative europee in tema di "novel food", cioè gli alimenti e gli ingredienti che risultano nuovi rispetto a quelli già consumati in modo significativo prima del Regolamento Ce 258 del 1997, anche coleotteri, grilli e simili possono fare il loro ingresso nei menu continentali. Ma lo faranno maniera assolutamente controllata, assicurano le autorità competenti. "Questi cambiamenti renderanno il processo di autorizzazione e collocazione dei novel food sul mercato europeo più semplice, più veloce e più facile per chi ne fa richiesta, assicurando al tempo stesso la completa sicurezza alimentare", spiega spiega il commissario europeo per la Salute, Vytenis Andriukaitis, commentando il debutto del nuovo regolamento, che viene applicato dal 1° gennaio. "Speriamo che tutto ciò - sottolinea - si aggiunga alla varietà già presente sul mercato Ue di alimenti tradizionali e innovativi salutari e nutrienti".

Se scarafaggi e cavallette (interi o in parti, come precisa la normativa) sono l'alimento che più colpisce la fantasia all'interno del documento, va comunque detto che si trovano in buona compagnia. Nella definizione di "novel food", ricadono infatti anche alimenti con una struttura molecolare nuova, alimenti prodotti da microorganismi, alimenti costituiti da materiali di origine minerale e alimenti costituiti da "nanomateriali ingegnerizzati", per citare alcune delle categorie contenute nell'articolo 3 del documento, che dovranno in ogni caso "essere sottoposti a una valutazione scientifica prima dell'autorizzazione per assicurarne la sicurezza". Non rientrano invece nella casistica gli organismi genericamente modificati, per i quali continua a valere il Regolamento 1829/2003.

Oltre a espandere le categorie considerate "nuovi alimenti", la normativa appena entrata in vigore lavora in particolare sulla semplificazione e centralizzazione della procedura di autorizzazione, gestita dalla Commissione europea attraverso un sistema di richieste online, e mette l'ammissione dei cibi sul mercato in mano all'Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare. Fatte le regole, comunque, resta capire quale sarà l'accoglienza riservata dai consumatori alle novità che si guadagneranno man mano l'accesso alla tavola. Per quanto riguarda gli insetti, osservati speciali in questa fase, le premesse - quantomeno sul mercato nazionale - non parrebbero eccellenti. I risultati di una indagine a tema presentati lo scorso ottobre da Coldiretti vedevano infatti il 54% degli italiani contrario al loro arrivo e solo il 16% favorevole. L'appetito, ad ogni modo, vien mangiando.

Scritto da 
  • Marco Valsecchi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, terremoto 8.2 in Alaska: allerta tsunami

La notizia dell'istituto geologico americano Usgs

Bahareh Sassani in parcadute per l'ugualianza delle donne in Iran

A 35 anni combatte contro gli sterotipi del suo Paese: "Siamo capaci tanto quanto gli uomini, non c'è nulla che vogliamo che non possiamo fare"

Giappone, erutta vulcano sulle piste da sci: 1 morto e 15 feriti

Cinque sono in gravi condizioni, 78 persone sono rimaste bloccate in quota