Sabato 08 Settembre 2018 - 12:00

A Latina i Pediatric Simulation Games. Così i pediatri imparano a salvare vite

Per cinque giorni nella città laziale si "scontreranno" le squadre di 32 scuole di pediatria da tutta Italia. Metteranno in pratica le tecniche di salvataggio su manichini elettronici. Una giuria internazionale deciderà i vincitori

 

Trentadue  squadre provenienti da tutta Italia e rappresentative di altrettante scuole di pediatria dal Nord al Sud del Paese, si sfideranno a Latina dal 10 al 14 settembre in occasione dei Pediatric Simulation Games 2018.

Le Olimpiadi dell'emergenza pediatrica sono ideate e organizzate dall’ Università degli Studi di Roma la Sapienza in collaborazione con la ASL di Latina la Società Italiana di Medicina Emergenza Urgenza Pediatrica (SIMEUP), la Società Italiana di Pediatria (SIP), la Conferenza Permanente dei Direttori delle Scuole di Specializzazione in Pediatria, l’ Osservatorio Nazionale Specializzandi in Pediatria (ONSP) e il Centro di ricerca per la valutazione della qualità in Medicina e medicina di genere (CEQUAM) della Sapienza Università di Roma.

Visto il successo della scorsa edizione – la prima in assoluto in Italia – quest’anno l’appuntamento si ripete a Latina, nel Polo Pontino della Sapienza (istituto Vittorio Veneto Salvemini, viale Mazzini 4).  L’obiettivo, anche quest’anno, sarà quello di  “imparare per prepararsi a giocare” e “imparare giocando” .

Nel contesto di una sana, amichevole competizione, i partecipanti saranno chiamati a sfidarsi in una gara di alto livello tecnico, sottoposti al giudizio di una giuria internazionale composta da quattro tra gli elementi di spicco della medicina di emergenza urgenza pediatrica mondiale: Monika Kleinman del Boston Children’s Hospital, Allan R de Caen dello Stollery Children’s Hospital Edmonton, Marc Berg della Stanford University e Vinay Nadkarni del Children Hospital of Philadelphia.  Al termine di ogni sessione di gioco gli esperti svolgeranno il consueto debriefing di formazione.

Ogni squadra sarà formata al massimo da 6 componenti, in modo da ricreare il team di rianimazione e composta esclusivamente da specializzandi di pediatria alla prima specializzazione. Quest’anno i giochi si terranno a settembre e potranno partecipare anche gli specializzandi del V anno che si specializzati nella sessione di luglio 2018. Alla competizione concorrere soltanto una squadra per ogni scuola di specializzazione.

Dai questionari distribuiti agli studenti gli organizzatori hanno constatato che per molti di loro, con l’aiuto dei professori, lo studio è iniziato molto tempo prima dell’evento, accompagnati da una sana voglia di competere, migliorare e vincere.  Per dare possibilità a tutte le squadre di giocare di più, la manifestazione sarà organizzata in 4 gironi, all’interno dei quali la competizione tra le squadre si svolgerà in 7 incontri, al termine dei quali si terrà la finale tra i vincitori di ogni girone.

L’organizzazione ringrazia in particolare, per il patrocinio, il Comune di Latina e la Provincia di Latina che hanno messo a disposizione i locali dell’Istituto tecnico Vittorio Veneto e l’Associazione ONLUS NuovArmonia . La manifestazione quest’anno sarà patrocinata anche da società scientifiche dell’area pediatrica quali SIAIP, SIMRI, SINP, SINEPE, European Society for Emergency Medicine e l’American Heart Association.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vaccini, si cambia ancora. Autocertificazione valida fino a marzo 2019

Emendamento della maggioranza al Milleproroghe. Probabilmente si vuole dar tempo alle famiglie di mettersi in regola

Vaccini, petizione Unicef: "Proteggi un bambini, proteggili tutti"

L'organizzazione Onu lancia un appello alla vaccinazione di massa: Lìallarme sugli oltre mille casi di contagio di morbillo in sei mesi in Italia

Via libera alla terapia cellulare CAR-T contro linfomi e leucemia Lla

L'annuncio di Novartis che l'ha sviluppata con l'Università della Pennsylvania. E' la prima terapia cellulare contro i tumori in Europa. Ecco come funziona

Binge-drinking research

Allarme binge drinking per gli adolescenti: l'abbuffata alcolica porta alla dipendenza

Circa l'80% del campione ha dichiarato di consumare bevande alcoliche nonostante nel nostro Paese ne sia vietata la vendita ai minori